Mutuo prima casa: la procedura per richiederlo

Sei un giovane e vuoi finalmente acquistare la tua prima casa personale? Il tuo sogno può facilmente diventare realtà grazie al mutuo prima casa.

Si tratta di un prestito erogato dalla banca a coloro che intendono acquistare il loro primo immobile e che siano in possesso di determinate caratteristiche. 

Ora non ci soffermeremo su questi dettagli, bensì sull’iter attraverso il quale puoi ottenere il mutuo prima casa.

I mutui sono una materia abbastanza complessa e ci sono tantissimi variabili da tenere in considerazione, nonché una miriade di possibilità.

Per esempio: sapevi che puoi estinguere anticipatamente un mutuo o, addirittura, che puoi cambiarlo?

Ecco tutto ciò che devi conoscere per far diventare il tuo sogno realtà.

Scegli l’immobile che più ti piace

Questo è il primo grande passo e ti auguriamo di trovare il prima possibile l’immobile che più si adatta ai tuoi gusti.

La scelta è qualcosa di molto personale. L’immobile, oltre ad essere esteticamente di tuo gradimento, deve anche avere un prezzo abbordabile in base alla tua disponibilità economica.

Se decidi di affidarti ad un’agenzia immobiliare, questa probabilmente ti metterà di fronte a prezzi già competitivi sul mercato.

Diversamente, devi essere tu stesso a tenerti aggiornato sui prezzi medi del periodo in cui vuoi comprare casa. Per fare questo, puoi consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione Osservatorio del Mercato Immobiliare

Ogni città e, addirittura, ogni zona delle città ha dei prezzi differenti. Poi, ovviamente, anche le caratteristiche dell’immobile stesso fanno sì che il prezzo sia più alto o più basso.

In ogni caso, il valore dell’immobile viene calcolato anche dal perito nel momento in cui si intende accendere il mutuo.

Trova la banca con il mutuo prima casa più vantaggioso

Tantissime banche annoverano tra i piani per i loro clienti le offerte sul mutuo prima casa, tuttavia non tutti gli istituti propongono le stesse condizioni sul mutuo per i giovani.

Possono esserci variazioni in base all’età, alla propria carriera professionale, alla durata del mutuo ecc.

È molto importante essere a conoscenza di questo dettaglio perché ti sprona a non fermarti alla prima offerta che trovi

Sicuramente puoi valutare la tua banca di fiducia, ma non esitare a chiedere informazioni più dettagliate sui mutui prima casa anche presso altri istituti.

Il voucher mutuo o parere di fattibilità

Dopo aver individuato la banca con la proposta che più si addice alle tue esigenze, è il momento di capire se l’istituto è disposto a concederti il credito e in quale misura.

Per evitare di firmare un contratto che superi la tua effettiva disponibilità economica, soprattutto se hai iniziato da poco a lavorare, ti consigliamo di richiedere il voucher mutuo.

All’interno della richiesta devi indicare tutti quei dati indispensabili alla banca per decidere se concederti il mutuo e quanto questo ti verrà a costare.

Devi quindi specificare il valore dell’immobile, il tuo reddito e quello del tuo nucleo familiare presentando la dichiarazione dei redditi.

Sulla base di queste informazioni, la banca stabilisce il rapporto tra la rata e il reddito. Generalmente, l’importo della rata non va ad intaccare più del 30% del reddito complessivo della famiglia richiedente, per non incidere in modo troppo limitante sul tuo stile di vita.

Il voucher mutuo ha una validità di sei mesi entro la quale puoi decidere se accettare l’offerta fatta dalla banca e procedere con il mutuo oppure se rinunciare perché troppo elevato per le tue possibilità.

Il mutuo prima casa

Arriviamo finalmente al momento più importante di tutto il procedimento, ossia la richiesta vera e propria di mutuo prima casa.

In questa fase, dopo aver valutato il parere di fattibilità, devi inoltrare una domanda formale alla banca, presentando tutta una serie di documenti.

Come abbiamo detto, il reddito del richiedente è fondamentale per riuscire ad ottenere il mutuo.

Per questo motivo, se sei un lavoratore dipendente devi portare l’ultima busta paga che hai ricevuto con la copia dell’ultimo modello CUD, nonché una dichiarazione firmata dal tuo datore di lavoro che attesti la tua carriera professionale all’interno dell’azienda nella quale lavori.

Se sei un libero professionista devi dimostrare il tuo lavoro autonomo con la presentazione dell’iscrizione all’Albo professionale oppure alla Camera di Commercio Industria e Artigianato, se vendi beni materiali. In allegato, devi inserire anche il Modello Unico Redditi. 

Finiti gli adempimenti relativi alla professione, sono necessari tutti i documenti riferiti alla tua persona e all’immobile. Quindi il certificato di nascita, di stato civile e l’estratto di matrimonio al fine di valutare i rapporti patrimoniali che intercorrono con il coniuge.

Per l’immobile, devi essere in possesso della planimetria, dell’ultimo atto di acquisto e del certificato di abitabilità.

Quando ha tutto in mano, la banca finalmente decide se concederti o meno il mutuo.

La tanto attesa erogazione del mutuo

Tutto è deciso, la banca stipula il contratto con atto pubblico e ti mette a disposizione la cifra.

Secondo la prassi, nel momento in cui la banca si vincola con il richiedente, istituisce un’ipoteca sull’immobile, a garanzia del denaro che ha prestato. Nel caso in cui tu non sia nella condizione di restituirlo, la banca potrà rivalersi sull’immobile per recuperare il credito e tutti gli interessi.

Se ti atterrai al contratto e pagherai tutte le rate, la banca estinguerà il mutuocancellerà l’ipoteca sull’immobile, il quale diventerà finalmente di tua proprietà.

Estinzione anticipata del mutuo prima casa

Anche se hai stabilito una precisa durata del mutuo con la banca, questo non ti vieta di rimborsare il prestito anticipatamente. Se hai a disposizione l’intera cifra puoi estinguerlo completamente, oppure puoi anche saldarlo in parte.

Per poterlo fare devi inviare una lettera raccomandata alla banca con indicata la tua volontà di estinzione del mutuo. 

È possibile cambiare mutuo?

Ebbene sì, hai anche questa opzione. Nel momento in cui hai firmato un mutuo prima casa nei confronti di una banca, ma questo non rispecchia più le tue aspettative, puoi decidere di spostarlo presso un altro istituto dove ti vengono proposte delle condizioni più adatte alle tue esigenze.

Come vedi, il mutuo prima casa ti lascia davvero molta libertà di gestione per evitare di fare una scelta che condizioni negativamente la tua vita o quella della tua famiglia.

CHIEDI UNA CONSULENZA
CONTATTACI

per richiedere la nostra assistenza







    Ho letto e accetto la Privacy Policy