Come vendere casa privatamente in 8 passi

Hai deciso di traferirti in una nuova città? Vuoi comprare una casa più grande perché si è allargata la famiglia? Hai ereditato la casa di un tuo parente?

Qualunque sia la tua motivazione, prima o poi potresti trovarti nella situazione di dover vendere casa.

Come fare?

Il primo pensiero potrebbe essere quello di appoggiarsi ad un’agenzia immobiliare. Tuttavia, in questo caso devi considerare una percentuale da lasciare sull’acquisto all’agenzia stessa per il lavoro che ha svolto.

Oltre a questa strada, ne esiste un’altra più proficua per il tuo portafogli: vendere casa privatamente.

Sappiamo che può sembrarti difficile, ma i passaggi da seguire sono davvero pochi e ci sono professionisti che possono accompagnarti lungo tutto il percorso con un prezzo nettamente inferiore rispetto a quello dell’agenzia.

Vediamo subito quali sono gli 8 passi fondamentali per vendere casa privatamente.

1. Prepara la tua casa da vendere privatamente

Prima di qualsiasi altra cosa, delle foto e della perizia per stabilire il prezzo, devi sistemare la casa.

Si presume che un’abitazione sia stata vissuta e che, di conseguenza, sia piena di oggetti personali degli inquilini originari.

Non puoi di certo presentare una casa sporca o piena di confusione!

Il primo passo fondamentale è quello di mettere tutto in ordine, tinteggiare dove serve e pulire, immagina che debba diventare esattamente come uno showroom. 

Ricordati che stai cercando di vendere.

Parti dall’arredo. Intendi vendere la casa arredata oppure no?

Se vuoi portare via i mobili non ci sono problemi ma, se al contrario devi lasciarli, fai in modo di ripulirli completamente dal contenuto e controlla che siano in ottime condizioni.

Questa attività ti sarà fondamentale per tutti i passaggi successivi quali la perizia, le fotografie per un’eventuale inserzione online e per la visita fisica dei potenziali acquirenti.

2. Stabilisci il prezzo

Siamo già ad un passaggio cruciale: che prezzo proporre ai potenziali acquirenti?

Durante la scelta non pensare solamente a quello che speri di guadagnare dalla vendita, ma attieniti oggettivamente al valore della casa.

Com’è possibile capire qual è un prezzo competitivo?

Guarda i siti di annunci e cerca degli immobili simili al tuo, così puoi farti un’idea dei prezzi presenti sul mercato.

Per essere sicuro di non sbagliare, soprattutto se hai un immobile un po’ particolare come una villa, affidati ad un perito per avere una stima precisa di partenza.

È importante che tu sia consapevole dei prezzi presenti nella tua zona. Ad esempio, la campagna ha un costo diverso rispetto al centro di una cittadina o di una città.

Considera la metratura, la posizione, la presenza del giardino, l’utilizzo di materiali particolari e di tutto ciò che potrebbe costituire un valore aggiunto.

3. Sfrutta i punti di forza per vendere casa

Già dall’attività precedente, nel momento in cui valuti l’immobile per stabilire il prezzo, emergono i primi punti di forza.

Comincia a segnarli tutti, ti saranno fondamentali per poter dare valore aggiunto ad una eventuale inserzione su Internet e per descrivere la casa durante le visite che farai.

Quali possono essere dei punti di forza?

Prima di tutto la zona. Può essere una zona centrale del paese che permette di raggiungere a piedi tutti gli esercizi commerciali principali, può essere una zona di campagna o di collina tranquilla per chi cerca silenzio, può essere vicino alla fermata della metropolitana oppure può essere in una zona turistica.

Altri elementi importanti sono le stanze ampie, la presenza del garage, del giardino.

Tu conosci la tua casa meglio di chiunque altro, questo è il momento per esprimere tutto il suo valore.

4. Pubblica le tue inserzioni

Siamo ad un altro passaggio fondamentale del vendere casa privatamente: la pubblicità.

Esistono tantissimi modi di fare pubblicità. Il più classico è sicuramente il cartello fuori dalla porta con il tuo numero di cellulare.

Tuttavia, nell’era di Internet, esistono dei metodi più mirati per la pubblicità.

Prima di tutto puoi cercare dei siti specializzati nelle inserzioni di immobili da abitazione, come Casa.it, comodamente utilizzabili anche tramite le app per mobile.

Inoltre, puoi creare delle inserzioni a pagamento su Facebook per andare a colpire il pubblico in target della tua area geografica.

5. Prepara tutti i documenti necessari per vendere casa

Prima di iniziare a ricevere gli acquirenti interessati, prepara tutti i documenti necessari per la vendita.

Sono basilari:

  • Il tuo atto di acquisto della proprietà trascritto nei registri immobiliari al fine di attestare che sei effettivamente tu il proprietario dell’immobile;
  • L’APE, ossia l’attestato di prestazione energetica, che stabilisca qual è il rendimento energetico del tuo immobile;
  • Il certificato di agibilità che attesti la sicurezza dell’edificio, nonché la sua salubrità;
  • La documentazione catastale e urbanistica con la planimetria necessaria per finalità fiscali;
  • I documenti relativi ad eventuali condoni per edifici costruiti abusivamente;
  • Il vincolo di Belle Arti se si tratta di un edificio storico o di interesse artistico;
  • L’atto di matrimonio, ma solo nel caso in cui a venderlo sia una coppia sposata che deve attestare il regime secondo il quale gestisce i beni.

Inoltre, i nuovi inquilini sono tenuti a sapere se sull’immobile gravano eventuali vincoli come le ipoteche.

6. Ricevi i potenziali acquirenti

Quando le tue inserzioni cominceranno a fare effetto riceverai le prime persone interessate a vedere l’immobile.

Cerca di avere ben chiare tutte le informazioni riguardanti la tua casa per essere preparato alle eventuali domande che potrebbero farti.

Durante la visita mostra al meglio l’edificio e ricordati che in quel momento assumi i panni di un vero e proprio venditore.

In questa fase potrebbe anche capitarti di dover scendere a patti sul prezzo che hai stabilito per vendere casa. Fai le tue valutazioni ma non essere troppo rigido perché potresti perdere la tua opportunità di vendere velocemente l’immobile.

7. Fai firmare il contratto preliminare per vendere casa

Nel momento in cui riesci a trovare delle persone veramente interessate, proponi un contratto preliminare per evitare che ci ripensino e ti lascino sul più bello.

In questo contratto puoi segnare i dati fondamentali quali i nomi delle parti, tutto ciò che riguarda l’immobile, il prezzo che avete concordato e le modalità di pagamento.

Affinché i contraenti rispettino l’impegno preso, puoi fissare anche una caparra confirmatoria che di solito si aggira tra il 10% e il 20% del prezzo totale.

Stabilisci anche un termine entro il quale firmare il contratto definitivo per evitare che passi troppo tempo.

8. Conferma la vendita con il rogito

Se tutto va nel migliore dei modi, è il momento di contattare il notaio per formalizzare la vendita e dare finalmente le chiavi in mano ai nuovi inquilini.

Come vedi, vendere casa privatamente ti richiede qualche energia in più rispetto a quelle che useresti affidandoti all’agenzia, ma può permetterti di ottenere un maggiore guadagno dalla trattativa.

Per richiedere assistenza in materia di Pianificazione e Difesa del tuo Patrimonio contatta i professionisti di ObiettivoProfitto compilando il Modulo di contatto che trovi in questa pagina.

CHIEDI UNA CONSULENZA
Tags articolo:immobili affari vendita casa

CONTATTACI

per richiedere la nostra assistenza








    Ho letto e accetto la Privacy Policy